Home Appennino Reggiano Casina: il secondo palio del Parmigiano Reggiano chiude la Fiera

Casina: il secondo palio del Parmigiano Reggiano chiude la Fiera

fiera-casinaCirca 1400 kg di Parmigiano Reggiano venduti nei primi due giorni della manifestazione e 1500 coperti conteggiati soltanto all’interno dei due spazi ristoro predisposti dalla Croce Rossa Italiana e dalla Protezione Civile: numeri importanti, che testimoniano il grande successo della 47esima Fiera del Parmigiano Reggiano di Casina.

Una manifestazione che ha segnato quest’anno una forte crescita in termini di partecipazione, confermandosi uno degli appuntamenti estivi di punta dell’Appennino Reggiano grazie a un programma ricco e variegato, che ha saputo mixare gusto e arte, cultura enogastronomica e spettacolo. Molto positivo il bilancio della seconda giornata, sabato 4 agosto, dai due appuntamenti di “Cucinateatro” con gli chef Brancatelli e ortolano, fino al Roadie Rock Festival, l’evento organizzato dall’Associazione Effetto Notte per promuovere le giovani rock band emergenti, che quest’anno ha segnato l’importante traguardo dei dieci anni.

«Nonostante il gran caldo siamo riusciti a trasformare il paese in un teatro all’aria aperta» spiega Emanuele Ferrari dell’associazione Effetto Notte. «Ogni piazza e strada sono diventati luoghi magici con clown equilibristi, pittori e poeti, ballerini di samba, musicisti rock e jazz. Una bolla dove il tempo era sospeso e la gente s’incantava, facendo tornare bambini anche i grandi. Come davanti alla pizzeria “La Crepa” con Giovanni Raffaele Bonini, sospeso a tre metri da terra a dipingere sogni, o la corda molle di Luca Tresoldi appesa al cielo, l’ironia di El Bechin, le atmosfere oniriche dell’Arena spettacoli con i gruppi del “Roadie rock festival”. Più di 5000 persone sono passate e hanno vissuto questo teatro nella sola serata, dalle 20.00 a mezzanotte».

Gli appuntamenti della Fiera proseguiranno, lunedì 5 agosto, con il secondo Palio “Città di Casina”, una competizione di gusto per scegliere il miglior Parmigiano Reggiano di montagna con stagionatura 30 mesi tra quello proposto dalle nove latterie coinvolte, dislocate sul territorio di Reggio Emilia, Bologna, Modena e Parma: Caseificio Sociale di Montagna Ravarano/Casaselvatica di Berceto di Parma, Consorzio Terre di Montagna Modena e Bologna, Caseificio Rosola di Zocca, Consorzio Vacca Bianca Modenese, Latteria Sociale del Fornacione Felina, Latteria Sociale di Casale di Bismantova, Latteria Sociale Garfagnolo, Latteria Sociale di Migliara, Latteria Sociale S. Giorgio di Cortogno, Latteria Sociale S. Giovanni di Querciola.

A partire dalle 21.00 ciascuna caseificio presenterà in maniera anonima, in Piazza IV Novembre, una forma intera di Parmigiano Reggiano, che sarà aperta davanti al pubblico e alla giuria capitanata da Mario Zannoni, esperto di analisi sensoriale, che le giudicherà in base alle caratteristiche organolettiche. Dopo la spaccatura, un decimo casaro del Consorzio del Parmigiano-Reggiano estrapolerà circa un kg di formaggio da ogni forma per poi portarlo all’interno della sede del Comune, dove sarà esaminato in maniera più approfondita.

In attesa del verdetto finale, esperti del settore racconteranno la degustazione al pubblico in Piazza, spiegando le caratteristiche che differenziano una stagionatura dall’altra: grazie alla collaborazione con il Consorzio, ai presenti saranno fatti assaggiare più scaglie di Parmigiano in modo da fare testare con mano quanto appreso durante la spiegazione. Alla serata parteciperà anche Umberto Beltrami, Assessore di Bibbiano e unico in Italia con delega al Parmigiano Reggiano, che presenterà un gioco a premi in cui il pubblico sarà chiamato a scoprire il peso esatto di una forma di formaggio.

Una serata all’insegna del gusto per celebrare il Parmigiano Reggiano di montagna, eccellenza nell’eccellenza, realizzato esclusivamente con il latte prodotto da aziende agricole locali, che scelgono di alimentare il proprio bestiame con erba e fieno montani. Al termine del Palio, la chiusura ufficiale della Fiera sarà affidata al suggestivo spettacolo pirotecnico in programma presso la zona del Consorzio Agrario.

Per tutta la giornata di lunedì sarà possibile acquistare il Parmigiano Reggiano di montagna presso il Villaggio del Parmigiano Reggiano, oltre ai tanti prodotti ed eccellenze del territorio in vendita presso Agricasina, il mercato agroalimentare, e la “Via dei consorzi e delle associazioni di qualità: Lambrusco Reggiano, Melone, Anguria, Basilico Ligure”, in Largo Tricolore. Resterà inoltre aperto fino alla tarda sera il Mercatino dell’usato domestico (viale Caduti per la Libertà).

Fino al termine della Fiera, saranno possibile pranzare e cenare presso “La Tana del Capitano”, il punto ristoro organizzato dalla Croce Rossa Italiana di Casina, e “La giostra Medievale”, predisposto dalla Protezione Civile. Lunedì 5 agosto sarà infine l’ultimo giorno per visitare le fattorie didattiche e la mostra di mezzi e attrezzature d’epoca, presso la zona del Consorzio Agrario di Casina, il percorso espositivo “Storie del grano e del pane” a cura dell’associazione Bergogno Medievale, ai Giardini Pubblici di Villa di Marzio, e il progetto “Il Parmigiano Reggiano si racconta / Oggetti, materiali e percorsi didattici”, realizzato dall’Istituto Comprensivo di Casina (Scuola Media) in collaborazione con il collezionista Giuseppe Pagliarini.

La Fiera del Parmigiano Reggiano è organizzata dal Comune di Casina con la collaborazione del Comitato Fiera e dell’associazione Effetto Notte, il patrocinio della Provincia di Reggio Emilia, il contributo di Consorzio del Parmigiano Reggiano, Banca di Credito Cooperativo Reggiano, Generali Agenzia di Reggio Emilia, CNA Reggio Emilia, CF Coperture Noleggio e Vendite, La Nuova Tipolito, e la partecipazione di CON.V.A (Consorzio per la valorizzazione dei prodotti dell’Appennino.

 

Informazioni e dettagli degli eventi sul sito: www.fieradelparmigianoreggiano.it