Luca Ghelfi (Pdl): “Ospedale di Pavullo ormai succursale di Sassuolo”

Ospedale-Pavullo“La risposta dell’assessore Galli alle mie ripetute interrogazioni sull’Ospedale di Pavullo e sulla pediatria – interviene il consigliere provinciale del pdl Luca Ghelfi – hanno ricevuto risposte che temo sia non soddisfacenti. Ovvero trova conferma la mancanza di un presidio H24 del pediatra, e la condivisione di un unico primario sia per la ostetricia e ginecologia, che per la pediatria, in comune con Sassuolo. Di fatto l’ospedale di Pavullo diventa una succursale di Sassuolo. Anche il numero stabile di parti nella struttura negli scorsi tre anni, è poco significativa: per molte donne questo presidio è l’unico possibile, per accessibilità. Se i numeri sono risicati, l’obiettivo dovrebbe essere aumentare, non stabilizzare il numero. Si dice che la logica del primario a metà è dettata dalla necessità di un collegamento con una struttura di alto livello: mi chiedo perché condividere un primario dovrebbe aumentare il collegamento con un ospedale. La collaborazione della rete dovrebbe essere un dato acquisito.

L’ospedale di Pavullo è un presidio prezioso, che dovrebbe meritare attenzione: siamo felici che siano stati investiti denari nella sicurezza, ma ne vorremmo vedere anche per l’assistenza. E’ una scelta politica potenziare o meno la rete provinciale. Ed è paradossale che questo ospedale debba rivolgerersi ad una struttura a gestione mista, pubblico/privata per potersi sostenere. Forse a questo punto sarebbe giunto il momento di pensare ad un serio ingresso del privato nella rete sanitaria. Almeno in appennino potremmo avere quello che serve ad assistere la popolazione che tiene vivo questo territorio”.