Home Vignola Progetto sicurezza a Vignola: al via le pattuglie dei Carabinieri in congedo

Progetto sicurezza a Vignola: al via le pattuglie dei Carabinieri in congedo

Dopo le premesse degli scorsi mesi si concretizza Il “Progetto Sicurezza” della cittĂ  di Vignola, giĂ  previsto dalla firma dell’accordo di novembre tra il Comune di Vignola e l’Associazione Nazionale Carabinieri. Con il mese di dicembre, infatti, hanno preso servizio le pattuglie a piedi formate dai Carabinieri in Congedo, e non, a supporto della sicurezza sul territorio di Vignola. Lo scorso giovedì, 15 dicembre, durante il mercato settimanale, con piacevole sorpresa da parte dei cittadini che li vedevano per la prima volta, si è svolto il primo turno di servizio degli appartenenti all’Associazione Nazionale Carabinieri, tra cui vari militari in congedo che hanno prestato servizio nell’Arma e che oggi mettono gratuitamente a disposizione della collettivitĂ  le proprie competenze e il proprio tempo.

Si tratta infatti di persone formate e con un’esperienza pregressa che sanno come affrontare il delicato tema della sicurezza con competenza, senza improvvisare, sempre nel rispetto delle regole.
Nel mese di Dicembre sono giĂ  previsti dieci servizi in cui le pattuglie a piedi, formate da due o tre Volontari A.N.C. per turno, percorreranno le strade di Vignola nei giorni di mercato e alla sera, principalmente in orario di chiusura dei negozi. Il loro compito sarĂ  quello di vigilare e segnalare tempestivamente agli agenti di Polizia Municipale tutte le situazioni di pericolo o sospetto dove sia necessario il loro tempestivo intervento.
“Quello della sicurezza è un tema delicato che tocca tutti i cittadini nel loro quotidiano” afferma l’assessore alla sicurezza Francesco Rubbiani “Proprio per questo è importante che gli interventi in questo ambito siano fatti con grande chiarezza e con preparazione. I Carabinieri in congedo, membri dell’ A.N.C., hanno proprio queste caratteristiche e siamo loro grati per l’impegno che hanno accettato di assumere a sostegno del lavoro delle forze dell’ordine e a tutela della comunità”.