Home Carpi Il 2017 a Carpi si festeggia in piazza dei Martiri

Il 2017 a Carpi si festeggia in piazza dei Martiri

Un grande San Silvestro attende Carpi: una delle novità del Natale a Carpi 2016 è infatti la scelta dell’amministrazione comunale di portare la sera del 31 dicembre in piazza dei Martiri eventi e musica, per festeggiare il 2017 insieme, come da anni non si faceva. Il tutto in diretta nello Speciale Capodanno in onda in tutta la regione sulle frequenze di TRC (e sul canale nazionale Sky 827) condotto da Andrea Barbi, a partire dalle 21.30 e fino a mezzanotte e mezza. Tre gli eventi previsti, tra le 21 di San Silvestro e le 2 del primo gennaio, tra Teatro Comunale e piazza dei Martiri.

La serata si aprirà con lo spettacolo The human jukebox dell’ensemble musicale Oblivion a Teatro alle 21 (biglietti esauriti); alle ore 23 via alle grandi scenografie della Compagnia dei Folli di Ascoli Piceno, con lo spettacolo La volta celeste, che condurranno i presenti al momento del conto alla rovescia e all’arrivo del 2017. Da quindici minuti dopo mezzanotte fino alle 2 spazio infine alle danze con un dj set di eccezione, quello di Daddy G dei Massive Attack dalla Torre dell’Orologio di Palazzo dei Pio (in collaborazione con International Music & Arts e Arci Modena).

“Auguro a nome dell’amministrazione comunale – dice il Sindaco Alberto Bellelli – un felice anno a tutti i concittadini e vi invito in piazza domani sera per festeggiare assieme l’arrivo del 2017. Erano anni che non si festeggiava il Capodanno in centro: vorremmo che fosse l’occasione per tutti quanti di passare assieme un momento di festa godendo della magnifica cornice della nostra piazza. Una bella occasione soprattutto per i più giovani che con questa offerta potranno non spostarsi fuori dalla città in una notte spesso critica per la viabilità. Quest’anno poi sarebbe bello fare a meno dei botti, rispettando così l’ordinanza ed il regolamento comunale, e godersi gli spettacoli che dalle 21 in Teatro con gli Oblivion, poi dalle 23 davanti al Palazzo dei Pio con la Compagnia dei Folli e infine da mezzanotte e un quarto in poi con Daddy G dalla Torre dell’Orologio faranno risuonare  il centro della città di suoni e colori. Insomma gli ingredienti per un Capodanno divertente e sicuro ci sono tutti. Quindi niente scuse, vi aspettiamo in piazza”.

 

The human jukebox-Oblivion

Cinque contro tutti. Un articolato mangianastri umano che mastica tutta la musica e la digerisce in diretta in modi mai sentiti prima. Questo è The Human Jukebox. Alla perversa creatività dei cinque cialtroni più irriverenti del teatro e della Rete si aggiunge, questa volta, quella del loro pubblico che contribuirà a creare il menù della serata suggerendo gli ingredienti della pozione. Gli Oblivion (Graziana Borciani, Davide Calabrese, Francesca Folloni, Lorenzo Scuda, Fabio Vagnarelli) hanno in repertorio tutti i grandi della musica italiana e internazionale e sono pronti ad affrontare sfide sempre più difficili a colpi di cazzotti, mash-up, parodie, duetti impossibili e canzoni strampalate. Anche su richiesta del pubblico.

 

La volta celeste-La Compagnia dei Folli

Un viaggio fantastico con acrobati sotto la volta celeste tra trampoli e fuochi d’artificio. In questo spettacolo, la Compagnia  accompagna gli spettatori in un viaggio fantastico nel mondo immaginario dei multiformi personaggi che popolano la volta celeste. E’ la dea Fortuna ad introdurre il viaggio ed a gettare i suoi buoni auspici dall’alto della sua postazione a dieci metri dal suolo. Da questo momento si susseguiranno le visioni fantastiche di sole e luna impegnati in una danza aerea, di variopinti uccelli, di strane macchine volanti che si rincorrono come in una giostra, di mezzi fantastici a propulsione pirotecnica, e molti altri misteriosi personaggi. Alla fine del viaggio, La volta celeste si accenderà in una spettacolare battaglia in cui angeli e demoni volanti si contenderanno il privilegio di poter portare la propria immagine come ricordo imperituro  negli occhi e nel cuore dello spettatore.

 

Daddy G

Daddy G, membro fondatore dei Massive Attack, (il suo vero nome è Grant Marshall) è uno dei fautori di quel Bristol sound che ha conquistato il mondo con il trip hop : un sound oscuro, rappresentato proprio da artisti come Massive Attack, Tricky, Portishead, che ha lasciato tracce anche nei decenni a venire, e a cui si è molto ispirata ad esempio la scena dubstep. La compilation di Daddy G per la serie Dj Kicks, che ha ottenuto un successo enorme nel 2004, è un ottimo esempio del suo spettro sonoro di base: reggae e dub come ma anche soul e funk d’annata, deep house, fino al dubstep ed ovviamente con molta farina dal sacco Massive Attack fra classici e remix inediti. È disponibile un video di Daddy G all’opera all’indirizzo http://youtu.be/t8HFkHEMWy0.