Home Carpi A Modena l’ultimo nato del 2016, a Carpi il primo vagito del...

A Modena l’ultimo nato del 2016, a Carpi il primo vagito del 2017

L’ultimo nato del 2016 in Provincia di Modena è stato Wang Yuhao (foto in alto), maschietto di 3,410 Kg figlio di una coppia cinese residente a Castelnuovo Rangone, nato alle 23.05 al Policlinico di Modena. Sempre cinese è anche il primo nato del 2017 è Chen Shi Qi (foto in basso), venuto al mondo 10 minuti dopo la mezzanotte nell’Ospedale Ramazzini di Carpi, un bambino che pesa 3.195 grammi. I genitori, mamma Lin Aihua e papà Chen Long Zhong sono al terzo figlio e risiedono a Novi di Modena. Il secondo nato pochi minuti dopo (mezzanotte e trequarti), al Policlinico di Modena è Leonardo, da genitori origine paraguayana. Il bimbo pesa 3,215 kg, sta bene. La mamma si chiama Alisia il papà Oscar. Sempre al Ramazzini, cinquanta minuti dopo la mezzanotte, è Tobia , un bel maschietto di 3.380 grammi. Papà Filippo Maria e mamma Eleonora, residenti a Modena, hanno già un altro bimbo. Alle 3.32, ancora a Carpi, c’è stato anche il primo parto gemellare: due bambini prematuri di 2.825 e 2.475 grammi nati da genitori di origini indiane che risiedono a Correggio.

L’ultima nata in Ospedale a Mirandola nel 2016 è Jiayi Elena, una bambina di origini cinesi venuta alla luce alle 21.48. Pesa 3610 grammi e sta bene. In ospedale a Pavullo l’ultima nata del 2016 è una bambina di circa tre chili che i genitori, Mohamed e Fatima, hanno scelto di chiamare Malak. A Sassuolo l’ultimo vagito del vecchio anno, sentito nei corridoi dell’ospedale, è stato alle 15.05: si chiama Tommaso, pesa 3 chili e 600 grammi, ed è il secondo figlio di Daniela e Nicola.

Notte tranquilla per quanto riguarda le emergenze. Gli accessi ai Pronto Soccorso provinciali non hanno fatto registrare particolari picchi e anche il numero di persone che hanno manifestato problemi per intossicazione da alcool è risultato nella media rispetto agli anni passati. Nessun accesso riconducibile allo scoppio di petardi ai Pronto Soccorso del Policlinico e di Baggiovara: pochi casi di indigestioni e una decina di pazienti con abuso etilico, sono il bilancio che si può considerare positivo dei festeggiamenti di San Silvestro. Tutti questi pazienti sono stati trattati e dimessi.