Home Scandiano Nuovo tratto della ciclabile Scandiano-Pratissolo-Bosco

Nuovo tratto della ciclabile Scandiano-Pratissolo-Bosco

Il Comune sta per appaltare il secondo stralcio della ciclopedonale Scandiano-Pratissolo-Bosco: dopo l’ ultimazione, tre anni fa, del primo tratto che unisce l’abitato di Bosco con la locale zona industriale, si procederà a collegare Pratissolo (via delle scuole) con via Valli in direzione Bosco, lungo la direttrice della SP 467. L’investimento complessivo è 300.000€: 200 mila di lavori e 100 mila per progettazione esecutiva, acquisizione terreni, sicurezza e imprevisti eventuali.

«Realizzare tale stralcio – spiega Marco Ferri, assessore a opere e ambiente – consentirà il collegamento tra due località attualmente prive di un percorso ciclabile o pedonale, lungo un tratto stradale caratterizzato da un traffico importante».

L’opera comprende anche una rotatoria in corrispondenza dell’intersezione con via Valli, dove il percorso ciclopedonale passa sul lato opposto della strada: «Questa ultima infrastruttura consente una ulteriore moderazione del traffico in quel tratto stradale, tuttora caratterizzato da elevate velocità dei veicoli. La duplice e importante valenza di quest’opera ha indotto l’Amministrazione comunale a procedere con la realizzazione di questo ulteriore stralcio del tracciato complessivo».

La ciclopedonale Pratissolo-Bosco è un importante capitolo del Piano comunale della mobilità, dove il miglioramento della sicurezza di pedoni e ciclisti è prioritario.

All’atto di approvare il piano, la rete ciclopedonale constava di 29 km fra itinerari principali, itinerari di distribuzione (casa-scuola e casa-lavoro) e percorsi per lo svago e attrazione ambientale (la cifra non considera i marciapiedi solo per pedoni): in prospettiva l’Amministrazione vuol sviluppare una rete quadrupla, con altri 95 km.

«Come previsto dal Piano triennale degli investimenti – conclude Ferri – siamo intenzionati a proseguire fino alla realizzazione dell’intero tracciato, che rappresenta un importante collegamento fra Scandiano e Reggio. Non solo costruendo nuovi tratti, ma potenziando anche quelli esistenti, “ricucendoli” fra loro per renderli maggiormente connessi e fruibili».