Home Modena Castelfranco Emilia: in piazza per ricordare le vittime innocenti delle mafie

Castelfranco Emilia: in piazza per ricordare le vittime innocenti delle mafie

Anche la Città di Castelfranco Emilia assieme a Locri e ad altri 4.000 luoghi italiani celebra il 21 marzo la XXII Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa da Libera e Avviso Pubblico, in collaborazione con la Rai Responsabilità Sociale, Conferenza Episcopale Calabra e con il patrocinio del Comune di Locri e sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Il tema della giornata, “Luoghi di speranza e testimoni di bellezza”, richiama proprio l’importanza di saldare la cura dell’ambiente e dei territori con l’impegno per la dignità e la libertà delle persone.

Gli alunni delle classi quarte della scuola primaria e delle classi prime della scuola secondaria di primo grado di tutti gli istituti comprensivi di Castelfranco Emilia sfileranno in corteo sotto i portici di Corso Martiri per radunarsi in Piazza Garibaldi alle 10.30. Si alterneranno nella lettura dei nomi delle vittime innocenti delle mafie con insegnanti, amministratori e membri delle associazioni di volontariato, in contemporanea con tante altre piazze di Italia. L’iniziativa si svolgerà alla stessa ora anche nella frazione di Piumazzo con gli studenti delle scuole intitolate a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

“Quest’anno è un’edizione importante, perché lo scorso 1 marzo, con voto unanime alla Camera dei Deputati, è stata approvata la proposta di legge che istituisce e riconosce il 21 marzo quale Giornata Nazionale della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie. Come ogni anno, nel primo giorno di primavera, simbolo di rinascita, la rete di Libera, gli enti locali, le realtà del terzo settore, le scuole e i cittadini che invitiamo a partecipare numerosi anche qui a Castelfranco Emilia, assieme alle centinaia di familiari delle vittime, si ritrovano per ricordare nome per nome tutti gli innocenti morti per mano delle mafie, creando in tutto il Paese un ideale filo di memoria, quella memoria responsabile che dal ricordo spinge all’impegno nel presente”, affermano la Vicesindaca Maurizia Cocchi Bonora e l’Assessora Valentina Graziosi.