Home Bassa reggiana Castelnovo Sotto: filmato mentre alleggerisce il conto al derubato

Castelnovo Sotto: filmato mentre alleggerisce il conto al derubato

Le indagini condotte dai carabinieri della stazione di Castelnovo Sotto, in merito all’identificazione del ladro che ha utilizzato un bancomat sottratto dall’interno di un’autovettura parcheggiata nel cortile della chiesa del paese e il cui utilizzo ha raggiunto la cifra di 1.000 euro, hanno consentito di individuare l’autore in un noto pregiudicato di Poviglio. L’epilogo della vicenda e’ quindi culminata con la denuncia in stato di libertà che i carabinieri della stazione di Castelnovo Sotto hanno inoltrato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia nei confronti di un 26enne residente a Poviglio e noto, per via dei suoi precedenti, agli stessi carabinieri di Castelnovo, in ordine ai reati di furto aggravato su autovettura e indebito utilizzo di carta bancomat. L’origine della vicenda risale alla fine dello scorso mese di marzo quando il ladro, all’epoca dei fatti ignoto, rubava, dall’interno di un’autovettura parcheggiata nel cortile della chiesa del paese il portafoglio che un 42enne abitante a Gattatico aveva lasciato incustodito all’interno del vano porta oggetto della sua auto. Documenti personali, un centinaio di euro e documenti bancari: questo il bottino del malvivente che ha poi rimpinguato con ulteriori 1.000 euro attraverso l’indebito utilizzo della carta bancomat del derubato. Oltre al furto pertanto l’operario ha denunciato, come da lui successivamente appreso dall’estratto conto bancario, l’indebito utilizzo della carta bancomat posto in essere lo stesso giorno del furto per prelievi di contante pari a 1.000 euro prelevati dallo sportello di una banca del paese. La tecnologia, come accade spesso in questi casi, è venuta incontro alle indagini dei carabinieri di Castelnovo Sotto che hanno acquisito le immagini del sistema di videosorveglianza dei bancomat analizzando i filmati negli orari del prelievo. Una prima importante svolta alle indagini seguita da una fortunosa coincidenza: i filmati visionati dai militari negli orari degli indebiti prelievi ritraevano il volto di un uomo di Poviglio immediatamente riconosciuti in quanto noto ai Carabinieri. La fedina penale “sporca” ha giocato quindi a sfavore del ladruncolo, cosa praticamente impossibile se l’uomo fosse stato incensurato. Una volta identificato il 26enne veniva denunciato alla Procura reggiana in ordine ai citati riferimenti normativi violati.