Home Scandiano Alle “Ciminiere” si parladi Giuseppe Anceschi. Presentazione della biografia e lettura di...

Alle “Ciminiere” si parladi Giuseppe Anceschi. Presentazione della biografia e lettura di suoi testi, sabato a Ca’ de’ Caroli

La figura di Giuseppe Anceschi, letterato e politico scandianese, sarà al centro di “Metti una sera a cena al circolo”, alle “Ciminiere” di Ca’ de’ Caroli sabato 8 luglio: la figlia Alessandra Anceschi, Gino Ruozzi e Luciano Lanzi presenteranno infatti il libro “Giuseppe Anceschi maestro di un’Italia civile”, coordinati da Maria Morgan. Sandro Buzzatti leggerà inoltre alcune pagine da “I libri, un destino” dello stesso Anceschi. Per l’Amministrazione comunale, che dà il patrocinio alla serata, interverrà l’Assessore ai Saperi Alberto Pighini.

Già preside della scuola media cittadina, Giuseppe Anceschi (1936-2014) fu assistente alla cattedra di Letteratura italiana della facoltà di Magistero a Bologna e docente di letteratura poetica e drammatica all’Istituto musicale “Peri” di Reggio. Dopo un impegno politico nel Comune di Scandiano (assessore, vice-sindaco, sindaco pro tempore) è stato membro dell’Istituto regionale per i beni culturali (Ibc) dell’Emilia-Romagna. Studioso della cultura del ‘400 di matrice boiardesca e delle sue derivazioni, è stato tra i fondatori del locale Centro Studi “Matteo Maria Boiardo”, di cui è stato segretario. Assieme a studi destinati a scrittori collocati in ambiti letterari, a scritti di folklore e di politica scolastica, si è dedicato allo studio dei rapporti tra lingua e dialetto. Ha collaborato a diverse riviste tra le quali “Linea d’ombra”, “Belfagor” e “Il Ponte”. Tra i suoi libri: Giovanni Crocioni (1977); Delio Tessa: profilo di un poeta (1990); La verità sfacciata: appunti per una storia dei rapporti fra lingua e dialetti (1996); Maestri di un’Italia civile (2003); Corti e cortigiani: arte di governo e buone maniere nella vita di corte (2005); I libri, un destino: ricordi, appunti, immagini (2007). Per Garzanti curò un’edizione annotata dell’Orlando innamorato (1979). Il Comune gli ha dedicato il salone d’onore della Rocca.

L’appuntamento di sabato 8 è alle 21,30 in via del Cemento 25: l’entrata è libera; chi fosse interessato anche alla cena (antipasto, primo, acqua e vino, caffè: costo 15 Euro, inizio ore 20.20) deve prenotare chiamando il n. 0522982753 o il 3337021852, o scrivere a leciminiere@virgilio.it