Home Formigine Formigine, la rassegna ‘Spazi Eletti’ chiude con il jazz

Formigine, la rassegna ‘Spazi Eletti’ chiude con il jazz

La rassegna Spazi Eletti, letture e note sotto la luna nel parco della biblioteca di Formigine, chiude giovedì 27 luglio con una serata dedicata al jazz. Alle 21 il giornalista Roberto Franchini presenta il suo ultimo libro ″Cento anni di jazz a Modena″, edito da Artestampa. Dialogherà con l’autore Roberto Menabue, esperto di produzione musicale e il noto musicista Davide Fregni proporrà interventi musicali alla tastiera.

Si tratta della prima storia del jazz a Modena, quasi un’opera monumentale: più di millecinquecento musicisti citati e censiti, centinaia di eventi ricordati e tornati alla luce dalle pagine di riviste, periodici, opuscoli e cronache; storie di musica intrecciate a storie di vita, di società, di costume; vicende locali, nazionali, mondiali.

“Mi sono permesso parecchie divagazioni – afferma l’autore – soprattutto sulla cultura e lo spettacolo a Modena. Per raccontare il jazz a Modena ho dovuto raccontare, certo velocemente, i balli e i locali per ballare, le feste danzanti e i ritrovi popolari. Ho dovuto rievocare spesso il varietà e l’avanspettacolo, ho accennato ai grandi solisti di musica classica e alle orchestre più importanti che avevano in ostaggio il palcoscenico del teatro Comunale, poi militarizzato dalla prosa. Soprattutto, ho raccontato come il jazz sia stato sul punto di divenire la musica dei giovani ma sia stato bruciato in velocità dal rock and roll e da tutto ciò che è venuto dopo: a Modena è una mutazione che si consuma tutta nell’arco di otto anni, dal concerto di Armstrong al Teatro Comunale nel dicembre del 1955 a quello di Adriano Celentano del 1963, al palasport di viale Molza”.

L’iniziativa, organizzata dall’Assessorato alla cultura del Comune di Formigine, si conclude con una degustazione di gelato “Blue Note”. In caso di maltempo, l’evento si terrà all’interno della biblioteca. Ingresso libero. Info: Biblioteca Daria Bertolani Marchetti (Via S. Antonio 4), tel. 059 416352.