Home Appennino Reggiano Cerredolo: pizzicati dalle telecamere mentre abbandonato rifiuti davanti all’isola ecologica, multa salata

Cerredolo: pizzicati dalle telecamere mentre abbandonato rifiuti davanti all’isola ecologica, multa salata

Costerà caro a chi, alcune settimane fa, ha abbandonato i rifiuti davanti all’isola ecologica di Cerredolo, durante l’orario di chiusura. “Grazie alla solerzia della nostra polizia municipale e ai nuovi strumenti di videosorveglianza del territorio – sottolinea il sindaco Vincenzo Volpi – abbiamo ottenuto questo brillante risultato, che pensiamo possa servire anche e soprattutto da deterrente a tutti coloro che hanno ancora la pessima abitudine di procurare danni ambientali e all’immagine del toanese”.

Racconta l’agente scelto Steve Paolo Chiesi: “Transitavo per servizio sulla strada provinciale che dal capoluogo conduce a Cerredolo e, arrivato all’altezza dell’isola ecologica, ho notato una catasta di rifiuti depositata nell’area pubblica antistante, costituiti da sedie rotte, damigiane, un sacco nero pieno, un pezzo di cartellone pubblicitario, un telo bicolore e altro materiale plastico”.

Continua Chiesi: “Ho fatto subito le fotografie e, rientrato al comando, ho visionato i video del nostro sistema di controllo. Ho così scoperto che la violazione era stata eseguita da due uomini che, alle 16.40 circa del giorno prima sopraggiungevano nel luogo con un autocarro e, in pochi minuti, scaricavano l’immondizia, incuranti del cartello di divieto e di quello indicante la presenza della telecamera, apposti in modo ben visibile”.

Le due persone non sono state identificate “ma dalla targa del mezzo siamo risaliti alla proprietà dello stesso – spiega l’agente –  che ci riconduce a un comune limitrofo al nostro. Abbiamo perciò trasmesso la sanzione amministrativa alla persona cui è intestato l’autocarro, che è stata invitata al pagamento in solido della contravvenzione”.

Prosegue il sindaco Volpi: “La multa prevista per tale violazione delle norme in materia ambientale va dai trecento ai tremila euro, da versare entro sessanta giorni dalla notifica della stessa. Non possiamo che deplorare gli abbandoni d’immondizia, non solo in prossimità delle nostre quattro stazioni di raccolta, aperte alternativamente tutti i giorni dal lunedì al sabato, ma anche sull’intero territorio. Ciò comporta, tra l’altro, oltre ai danni all’ambiente e al paesaggio, inevitabili costi di bonifica, che ricadono sull’intera comunità”.

In seno all’amministrazione comunale l’impianto di videosorveglianza, attivo dallo scorso Natale, è stato seguito in particolare, dalla fase progettuale alla sua realizzazione, dal vicesindaco Carlo Benassi, che conclude: “E’ uno strumento che abbiamo fortemente voluto e che ha iniziato a dare i suoi frutti, non solo per quanto riguarda la sicurezza ma anche, come in questo caso, per prevenire o sanzionare comportamenti non corretti. Per ora abbiamo in funzione una decina di telecamere digitali nei punti di accesso stradale al territorio, ma in una seconda fase ne attiveremo altre pure nei punti strategici dei nostri centri abitati”.