Home Modena L’arte della scrittura all’archivio storico di Modena

L’arte della scrittura all’archivio storico di Modena

Una installazione artistica, laboratori per conoscere l’alfabeto “italico”, una mostra iconografico documentaria sulla scrittura. L’Archivio storico del Comune di Modena, a Palazzo dei Musei in largo Sant’Agostino, partecipa al festival filosofia 2017 sulle “arti” con iniziative diverse aperte gratuitamente a tutti, preparate anche con la collaborazione di 12 ragazzi coinvolti con l’alternanza scuola-lavoro.

L’installazione “Théke: il futuro illumina il passato”, a cura di Delumen, è un’opera multimediale concepita e realizzata per “dare vita agli scritti e alle immagini” presenti nell’Archivio storico comunale. Nei giorni del festival sarà visibile venerdì 15 settembre dalle 18 alle 23; sabato16 dalle 9 alle 23; domenica 17 dalle 9 alle 21. Quindi si potrà vedere fino al 30 settembre negli orari di apertura dell’Archivio.

“A scuola di italico: Le forme della scrittura a mano”, è, invece, il titolo del laboratorio a cura di Bunker (designer, attivi a Modena, uniti da grande passione per la grafica e la buona tipografia) e di Smed (Scrivere a mano nell’era digitale, associazione che promuove, diffonde e sostiene la conoscenza, l’apprendimento e le buone pratiche relative alla scrittura a mano come componente cruciale dell’alfabetizzazione culturale nell’era digitale). Obiettivo dei laboratori, alle 19 e alle 21 sia sabato 16 sia domenica 17 settembre, è far conoscere l’italico – un modello di alfabeto dalle forme, semplici, veloci e pulite – e le sue origini storiche.

L’Archivio propone, infine, la mostra iconografico documentaria a cura di Franca Baldelli “Scrittura. Un carattere permanente”. Al centro c’è l’importanza della scrittura che, sin dalle origini è sempre stata non solo un mezzo, ma anche un fine. Serve infatti a esprimere un significato e a trasmettere un messaggio, ma è anche oggetto di bellezza e strumento decorativo: da ciò deriva l’importanza accordata alla forma delle lettere e alla creazione di nuovi alfabeti. L’espressione estetica della scrittura trova in tratti semplici e armoniosi, ma soprattutto nei capilettera dei manoscritti medievali, vere opere d’arte, la sua forma più alta. Si può vedere venerdì 15 dalle 18 alle 23; sabato16 dalle 9 alle 23; domenica 17 dalle 9 alle 21. Poi, fino al 5 gennaio, negli orari d’apertura al pubblico dell’Archivio: dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12 e il giovedì pomeriggio, dalle 15 alle 18.