Home Appuntamenti Poesia Festival: ancora un giorno tra versi, letture sceniche e musica

Poesia Festival: ancora un giorno tra versi, letture sceniche e musica

Ancora un giorno per ascoltare versi e dialogare di poesia: prosegue infatti fino a domani sera la tredicesima edizione di Poesia Festival. Domani domenica 24 settembre si parte alle 10.00 a Guiglia presso il Borgo dei Sassi di Roccamalatina per una camminata con poeti e musicisti alla riscoperta dei luoghi naturali della montagna modenese, con letture itineranti di Franco Arminio accompagnate da interventi musicali di Carlo Maver al bandoneon. Una proposta per conciliare l’esperienza della montagna con la capacità di esprimere i suoi significati nella scrittura poetica durante una facile camminata di circa otto km. I due poeti, accompagnati dalla musica, guideranno i presenti in una meditazione sul senso del cammino e sulle suggestioni di un paesaggio dolce e invitante. L’arrivo è presso il Sasso di Sant’Andrea a Montecorone di Zocca ed è prevista una navetta per il ritorno. In caso di maltempo la passeggiata sarà annullata e si terrà un incontro poetico e musicale con Franco Arminio e Carlo Maver alle ore 11.00 presso Teatro PUNTOcom di Zocca (via del Mercato 104).

Sempre alle 10.00, ma presso la Biblioteca “L. Garofalo” di Castelfranco Emilia (Piazza Liberazione 5), Francesco Scarabicchi legge le sue poesie e dialoga con Roberto Galaverni: con l’approdo de “Il prato bianco” in Einaudi, Scarabicchi consacra la sua carriera, sempre fedele alla linea della poesia marchigiana, essenziale e lirica, ma ispirata da osservazioni quotidiane sorprendenti.
Alle 10.45 è poi la volta di Rosita Copioli, che legge le sue poesie e dialoga con Alberto Bertoni. La poetessa riminese ci immerge nella lingua della sua tradizione, con suggestioni felliniane e artistiche fuori dal comune, che riemergono dall’ultimo libro “Le acque della mente”.
La poesia narrativa e sognante di Roberto Mussapi poi spinge i lettori verso i territori della fiaba, del mito classico e orientale, con versi nati da una visione remota e memorabile: a partire dalle 11.30, sempre alla Biblioteca di Castelfranco, il poeta legge i suoi versi e dialoga con Paolo Donini.
A Spilamberto invece, presso la Rocca Rangoni (in caso di pioggia Spazio Famigli) appuntamento a partire dalle 15.30 con “Castelli Poetry Slam”: sei poeti combattono sul palco per il premio finale con un solo giudice, il pubblico. Maestro di cerimonia Dome Bulfaro. I poeti in gara sono Nicolas Cunial, Eugenia Galli, Sergio Garau, Francesca Gironi, Simone Savogin e Julian Zhara. Il campionato italiano di Slam Poetry approda al Poesia Festival per coinvolgere in modi nuovi il pubblico. La giuria rigorosamente popolare e scelta a caso decreta il vincitore del Castelli Poetry Slam, sotto la guida di uno dei principali conduttori di slam in Italia, Dome Bulfaro, con i più premiati slammer italiani in gara, soltanto con le loro poesie e la loro voce. A partire dalle 16.30 poi (in caso di pioggia Vignola, Teatro Ermanno Fabbri) “John Lennon. La musica, l’arte, la poesia Immagina”: racconti, disegni e sogni di un genio, una conversazione con il curatore dell’antologia Antonio Taormina e il giornalista di La Repubblica Michele Smargiassi. A introdurre l’appuntamento sarà il direttore del Festival Roberto Alperoli. Immagina raccoglie brani in prosa, poesie e disegni tratti dagli unici due libri pubblicati in vita da Lennon, scritti mentre i Beatles stavano diventando un fenomeno culturale planetario. Le sue pagine sono lo specchio attraverso cui addentrarsi in un mondo fantastico, grottesco, a volte malinconico, capace di accendersi di rabbia e tenerezza e di lasciarsi contaminare dagli echi della politica, dell’amore, della musica. Alle ore 17.30 l’omaggio a Lennon prosegue con la Lettura scenica “Immagina John Lennon
poeta e scrittore”, a cura di Nicola Bortolotti, Michele Dell’utri, Simone Francia, Lino Guanciale, Diana Manea, Eugenio Papalia, Donatella Allegro e Simone Tangolo: testi tratti da Immagina, edizione italiana di In His Own Write e A Spaniard in the Works di John Lennon, traduzione e adattamento italiano di Donatella Franzoni e Antonio Taormina (ed. Il Saggiatore, 2016). Seguirà, alle 19.00, un rinfresco conviviale. Alle 20.00 invece un nuovo appuntamento con la musica e i Beatbox in concerto. Per i 50 anni dall’uscita dello storico album Sgt. Pepper’s dei Beatles, la performance dei Beatbox si propone di far rivivere l’energia esplosiva e il fascino senza tempo del mitico quartetto di Liverpool: dalla strumentazione ai vestiti, niente è lasciato al caso per riportare sul palco la loro leggenda. La miglior cover band europea dei Beatles.

E ancora: nell’ambito del programma collaterale al Festival alle 16.00 nella Sala delle Mura di Castelnuovo Rangone ha luogo “Oltre l’orizzonte… la poesia e noi”: le classi quinte delle Scuole Primarie di Castelnuovo e Montale presentano il percorso Creativa-Mentecondotto da Antonio Nesci, con letture a cura dell’attore Tiziano Gelmetti. A seguire “Parole per la strada”: inaugurazione delle nuove bacheche poetiche con i testi composti dalle classi. Alle 21.00 in Piazza dei Contrari a Vignola “Alla sera, alle sere. Foscolo e altri amanti dei tramonti”: con Gabriele Burzacchini, Achille Lodovisi e Maria Giovanna Trenti. Un incontro a cura dell’Associazione Mezaluna e di Archivivi condotto da Andrea Santonastaso.

La partecipazione a tutti gli eventi è gratuita.