Home Formula 1 F1: in Malesia pole di Hamilton. Prima ed ultima fila per la...

F1: in Malesia pole di Hamilton. Prima ed ultima fila per la Scuderia Ferrari

 La Mercedes di Lewis Hamilton ha conquistato la pole position del Gran Premio della Malesia in programma domani sul circuito di Sepang. Seconda posizione per la Ferrari di Kimi Raikkonen che ha preceduto le Red Bull di Max Verstappen e Daniel Ricciardo. L’altro alfiere della Ferrari, Sebastian Vettel non è riuscito a scendere in pista nella Q1 a Sepang a causa di problemi tecnici alla sua vettura.

In una giornata in cui Kimi ha mostrato il potenziale della Scuderia Ferrari ottenendo il secondo posto sulla griglia dopo una dura battaglia, Seb non è riuscito a registrare un tempo a causa di un problema che impediva al compressore di alimentare il motore in modo corretto. Un nuovo V6 era stato montato sulla sua SF70H dopo la P3 per motivi precauzionali, comprensivo di parti già utilizzate e verificate in azienda. Tuttavia, la squadra è determinata a combattere fino alla fine.

Seb ha commentato: “Ho subito capito che c’era qualcosa che non andava. Oggi avevamo deciso di cambiare il motore dopo P3, sono uscito in qualifica e sembrava che tutto funzionasse. Poi durante il giro di lancio nella curva 5 ho sentito all’improvviso che stavo perdendo potenza. Ho avuto fortuna a riuscire a tornare al box, così da poter dare un’occhiata. Purtroppo, non siamo riusciti a risolvere il problema. Abbiamo cercato di trovare il problema quando abbiamo tolto il cofano motore, ma non abbiamo trovato nulla. Così abbiamo deciso di ripartire e vedere se potevamo continuare a girare. Quando abbiamo acceso il motore ci siamo resi conto che il problema persisteva. E’ un peccato perché la macchina è veloce, ma domani dovremmo riuscire a rimontare. Non ho aspettative in termini di numeri, ma tutto può succedere ed è per questo che corriamo. Voglio essere sicuro di riuscire a fare del nostro meglio. Dobbiamo capire il motivo per il quale si è verificato questo problema e fare in modo che non succeda di nuovo. Queste cose nel nostro sport possono accadere, ma la gara è domani. E dobbiamo rimanere positivi”.