Home Bassa reggiana Eroina nei calzini, metadone e kit del pusher a casa: denunciata nel...

Eroina nei calzini, metadone e kit del pusher a casa: denunciata nel reggiano 20enne modenese

Fermata per un normale controllo nei pressi della stazione ferroviaria del comune di Guastalla è apparsa visibilmente preoccupata e nervosa. Uno stato d’animo che ha insospettito i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Guastalla che hanno optato per approfondire i controlli. I militari non si sono sbagliati: la ragazza è stata trovata in possesso di alcune dosi di eroina pronte allo spaccio che nascondeva nei calzini mentre nell’abitazione risultava detenere 9 flaconi di metadone, un bilancino di precisione e un ulteriore dose di eroina.

Con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Guastalla hanno denunciato alla Procura reggiana una 20enne residente a Modena a cui i militari hanno sequestrato 5 dosi di eroina, 9 flaconi di metadone  un bilancino di precisione.

Alla base dell’attività dei carabinieri “semplici” constatazioni rilevate dai militari nel corso dell’attività di controllo del territorio. Ai militari, infatti, è apparsa sospetta la preoccupazione del giovani trapelato all’atto dei controlli, eseguiti nei pressi della stazione ferroviaria, tanto da indurli ad approfondire gli accertamenti. Nei calzini i carabinieri rinvenivano 4 dosi di eroina per cui la ragazza veniva condotta in caserma dove i militari procedevano, con l’ausilio di personale femminile, all’ispezione personale che non portava ad ulteriori rinvenimenti al contrario di quanto emerso nel corso della perquisizione eseguita nel domicilio della ragazza. Tale attività portava al rinvenimento di 9 flaconi di metadone, la cui provenienza è al vaglio, unitamente a un bilancino di precisione e ad un ulteriore dose di eroina, tutto sequestrato. Alla luce di quanto trovato in sua disponibilità i carabinieri ravvisavano il reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, per la cui ipotesi delittuosa la 20enne veniva quindi denunciato alla Procura reggiana.