Home Appennino Reggiano La grande cena all’Oratorio di Castelnovo fa compiere un passo verso la...

La grande cena all’Oratorio di Castelnovo fa compiere un passo verso la nuova sede della Croce Verde

E’ stata un successo straordinario la cena di lunedì sera all’Oratorio Don Bosco di Castelnovo, un evento di solidarietà che si è contraddistinto per il livello qualitativo davvero eccezionale, con i piatti preparati dalla brigata guidata dallo Chef stellato Michelin Andrea Incerti Vezzani e la Chef Maria Teresa Bonati. Una grande serata che ha fatto segnare il “tutto esaurito”, consentendo di raccogliere fondi per il progetto della nuova sede Croce Verde di Castelnovo Monti.

L’iniziativa ha visto la collaborazione dell’associazione Gusto Sapiens, la Latteria Sociale Casale di Bismantova, il Forno Simonazzi, le sfogliatine di Parmigiano Reggiano “Parè”, l’Istituto superiore Nelson Mandela di Castelnovo, il Coro Voci Libere di Maria Ielli.
“L’iniziativa è stata davvero straordinaria, ringrazio tutti coloro che hanno partecipato – afferma il Presidente della Croce Verde Iacopo Fiorentini – e in particolare gli Chef e i volontari. È stato emozionate vedere tanta gente gustare ottimo cibo, ascoltare bellissima musica, vedere all’opera una brigata stellata, e soprattutto dimostrare grande interesse per questo progetto in cui crediamo fermamente. Grazie ancora a tutti”.

Lanciato alcuni mesi fa ora importanti passi in avanti il progetto della Croce Verde di Castelnovo Monti e Vetto per realizzare una grande, nuova sede che non sia soltanto la base operativa della Pubblica assistenza appenninica, bensì una struttura a servizio di altre associazioni che operano nel settore del soccorso e del sociale. “Per noi – spiega il Presidente della Croce Verde Castelnovo, Iacopo Fiorentini – questo è il progetto centrale dei prossimi anni, che ci consentirà uno sguardo di prospettiva verso il futuro. La nuova sede è essenziale sia perchè abbiamo ormai necessità di spazi e dotazioni più moderne, sia perchè è davvero fondamentale riuscire a consolidare quella “rete” di associazioni che ci permetterà di aumentare la coordinazione e l’operatività in casi di emergenze territoriali: con realtà quali Protezione Civile, Associazione Alpini, abbiamo già oggi collaborazioni costanti che potranno essere ottimizzate con la nuova sede”.

Quello per arrivare a concretizzare il nuovo progetto è un percorso complesso, come spiega ancora Fiorentini: “Nei giorni scorsi ci siamo recati anche a Bolzano, insieme al vice Sindaco di Castelnovo Emanuele Ferrari, dove abbiamo visitato la sede, davvero straordinaria per strutture e dotazioni, della locale Assistenza Pubblica, anche per cogliere alcuni spunti che potranno essere di aiuto. Il nostro obiettivo è di arrivare a raccogliere 650 mila euro, che insieme a fondi che metteranno a disposizione gli enti locali consentiranno di realizzare la nuova struttura, più adatta alle moderne esigenze, che possa offrire un ambiente di lavoro idoneo ai volontari, che negli ultimi anni fortunatamente sono aumentati in modo sostanziale, e nella sede attuale si trovano a operare in spazi estremamente ridotti e con forte carenza di parcheggi per i mezzi. Avevamo valutato se a Castelnovo esistesse un fabbricato idoneo, ma purtroppo non lo abbiamo trovato quindi la sede sarà costruita ex novo. Ciò ovviamente comporterà uno sforzo economico consistente, ma non ci spaventiamo e andiamo avanti”. Conclude Fiorentini: “Siamo ormai prossimi ad annunciare, in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Castelnovo, il luogo individuato dove realizzare la nuova struttura. Intanto chi volesse sostenere questo importante progetto, il cui destinatario non siamo noi come Associazione quanto l’intera comunità, può effettuare una donazione seguendo le indicazioni presenti sul nostro sito all’indirizzo http://www.croceverdecm.it/nuova-sede/ o nella sezione “sostienici”. Ovviamente rendiconteremo dettagliatamente ogni donazione ricevuta, come nostra abitudine”. Conclude Fiorentini: “Siamo davvero convinti che questa realizzazione porterà beneficio a tutta la comunità di Castelnovo, perchè ci permetterà di portare avanti nel migliore dei modi l’ingente lavoro che già oggi svolgiamo quotidianamente: nel 2016 la nostra Associazione ha svolto 20.000 trasporti ordinari (55 al giorno) di cui 1142 emergenze 118 (3 al giorno), operando principalmente nel territorio di Castelnovo Monti e Vetto per una parte dei servizi Ordinari e per la totalità dell’Emergenza-Urgenza. I dati del 2017 segnalano già oggi un aumento. La crescita costante di questi servizi è la spinta alla base di questo grande progetto di ampliamento e miglioramento strutturale”.