Home Casalgrande Lo sport di Casalgrande fa festa

Lo sport di Casalgrande fa festa

Sabato 2 dicembre alle ore 20, presso il Bocciodromo di via Santa Rizza, il Comune di Casalgrande organizza la decima Notte degli sport, una serata dedicata alle associazioni e ai gruppi sportivi del territorio, agli atleti e alle loro famiglie, ai dirigenti e agli accompagnatori nonché a tutti coloro che vogliano partecipare.

Saranno presenti Marta Ferrari, atleta della nazionale di spada, portacolori del Koala di Reggio Emilia e dell’Aeronautica Militare, Casali Kevin, portacolori della Reggiana Asd Tricolore e pluricampione nazionale di nuoto, e Fabio Azzolini, campione paralimpico di tiro con l’arco.

Inoltre parteciperanno le società e i gruppi che hanno dato vita alla prima Consulta dello Sport: Ac Casalgrande, Activa asd, Arcieri Orione asd, Team Cicli Campioli Salvaterra, Circolo Tennis Casalgrande asd, Coop. Sportiva Salvaterra “Parco del Liofante”, Coop. Sportiva “La Bugnina”, Falchi del Secchia, Giac Casalgrande, Gruppo Cinofili “La Riserva”, Boxe Ferrari, Gruppo Sportivo Virtus Casalgrande asd, Pallamano Spallanzani asd, Polisportiva Dilettantistica Casalgrandese asd, Polisportiva Casalgrande, Polisportiva Dilettantistica Salvaterra, asd Promogest, Real Casalgrandese, Veggia asd, KBS, Gruppo Cinofili Eclisse e Nordic Walking.

Il costo della cena è di 12 euro a persona, da versare al momento della prenotazione presso l’ufficio sport comunale (tel. 0522 998570 e 320 4376756 o m.cassinadri@comune.casalgrande.re.it). A ogni iscritto sarà consegnato un biglietto omaggio per la lotteria, offerto da Pro Loco Casalgrande, che si svolgerà durante la serata.

“Lo sport, prima di diventare un’attività fisica”, sottolinea l’Assessore allo sport Marco Cassinadri, “è una scuola di vita, con impegni, sacrifici, regole e obiettivi da raggiungere. Siamo consci dell’importanza di un’etica dello sport ed è per questo che abbiamo lavorato insieme per la redazione di un codice etico sportivo, diventato la nostra guida costante. La collaborazione tra società e la nascita sette anni fa della consulta per lo sport ne è una bella testimonianza. Essere presenti sul territorio è fondamentale, poiché la nostra è una realtà con una memoria storica, tradizioni proprie e complesse problematiche”.