Home Bassa reggiana Giornata contro la violenza sulle donne, lo spettacolo “12 volte Silvia” all’Altro...

Giornata contro la violenza sulle donne, lo spettacolo “12 volte Silvia” all’Altro Teatro di Cadelbosco di Sopra

In occasione della Giornata contro la violenza sulle donne venerdì 24 novembre (ore 21) all’Altro Teatro di Cadelbosco va in scena lo spettacolo 12 volte Silvia, per la regia di Domenico Ammendola, con Eva Martucci, Fabrizio Croci, Carolina Migli Bateson e Mariano Arenella. Una proposta dell’amministrazione comunale di Cadelbosco di Sopra, NoveTeatro Produzioni e Arci Reggio Emilia.

«La violenza contro le donne – afferma Tania Tellini, sindaco di Cadelbosco – è un fenomeno gravissimo e più diffuso di quanto si pensi. Con questa bella serata nel nostro teatro vogliamo rimarcare quanto sia fondamentale combattere questa piaga costantemente e con tenacia, sensibilizzando le persone di ogni generazione anche attraverso progetti culturali di ampio respiro. Invitiamo tutte le cittadine e i cittadini di Cadelbosco a aderire alla Giornata contro la violenza sulle donne per dare insieme un segnale di condanna e affermare attraverso la cultura i diritti civili e le reali pari opportunità».

Con 12 volte Silvia NoveTeatro prosegue la sua ricerca sulla drammaturgia contemporanea anglosassone. Il testo The Sylvia, opera dell’autore irlandese Philip St John, mai edito né rappresentato in Italia, è stato per la prima volta tradotto in lingua italiana da Carolina Migli Bateson.
La pièce racconta la storia di un pittore, Barry, e della sua musa, Silvia. Barry, dopo un grande successo iniziale avuto grazie a 12 quadri che ritraevano Silvia in vari aspetti, sposa Silvia e si ritirano in campagna. Qui comincia la storia che porterà al logoramento della coppia. Nel testo Silvia viene strumentalizzata da tutti gli altri personaggi in maniera più o meno consapevole e spietata.

«È immediato il rimando ad Allen Jones – spiega Domenico Ammendola nelle sue note di regia – lo scultore e artista pop britannico che fece scandalo negli anni ’70 con la sua donna fatta a tavolino. Jones ha fondato la sua poetica sull’oggettificazione della donna ed è stato un precursore perché, attraverso la sua arte, individuò già dagli anni ’60 questo come un problema della società e di civiltà».

Ingresso 12 euro. Prevendite nelle serate di spettacolo presso L’Altro Teatro o presso Arci Reggio Emilia, viale Ramazzini 72, dalle 10 alle 13 e dalle 15.30 alle 17.