‘Mi ritorni in mente 4’, torna la tradizionale strenna per i Fioranesi

Anche quest’anno l’Amministrazione Comunale di Fiorano Modenese si è fatta capofila nella realizzazione di ‘Mi ritorna in mente 4’, ricordi di Natale Amici e Luigi Giuliani su Fiorano e Spezzano di una volta, curato da Luigi Giuliani e Luciano Callegari, con il contributo di Lapam Confartigianato, Fattore P e Sign Italy, il Ge.Fi e il Club Amici di Fiorano, stampato da Artestampa Fioranese. 

Sarà presentato domenica 17 dicembre, alle ore 11, al Teatro Astoria, con la partecipazione del sindaco Francesco Tosi, dell’assessore Morena Silingardi, dell’autore Luigi Giuliani e del curatore Luciano Callegari, del presidente Lapam di Fiorano Ercole Leonardi, dell’imprenditore Paride Pini, con la conduzione del giornalista Alberto Venturi.

E’ una delle tradizioni più sentite del ‘Natale a Fiorano’, insieme al Concerto degli auguri, il 29 dicembre, unita al valore di promuovere il libro, come portatore di cultura, quella quotidiana e reale che ha caratterizzato la comunità e il suo sviluppo.

Sono quattro i capitoli che compongono la strenna distribuita ai Fioranesi che partecipano alla presentazione del 17 dicembre, o, fino ad esaurimento copie, che si recano presso l’Urp nei giorni successivi. Quest’anno si racconta la storia dei borghi di Crociale, di San Rocco, di Ubersetto e di Cameazzo, con le testimonianze e le immagini dei suoi abitanti.

L’usanza abbastanza unica della strenna di Natale inizia tanti anni fa con i volumi della serie Eravamo, poi ci sono stati quelli di Manodopera e le pubblicazioni relative ai Giochi della Gioventù del 1970, all storia del Coccapani, all’evoluzione delle piazze comunali. Un anno, segnando l’avvio della collaborazione indispensabile di Luigi Giuliani, è stata raccolta una serie di interviste, in piena crisi, agli imprenditori che ancora ci credevano e avevano voglia di investire.

Negli ultimi quattro anni Luciano Callegari ha riscoperto i racconti di Natale Amici, il primo a scrivere fatti, eventi, personaggi della memoria della comunità e Luigi Giuliani  ha bussato porta per porta presso le famiglie, a raccogliere immagini e racconti.

“Le pagine di questo libro hanno un valore particolare – scrive il sindaco Francesco Tosi – hanno il valore di ciò che è inedito e che rischiava di andare perduto”.

Secondo l’assessore Morena Silingardi, “si rinnova ogni anno il piacere di appartenere a una comunità che cresce e si proietta nel futuro con il massimo della tecnologia e della ricerca (siamo terra di eccellenza indiscussa: industrie ceramiche e di impianti, motori e innovazione nascono e prosperano sul nostro territorio), ma non si dimentica di rivolgere uno sguardo rispettoso e grato a quello che è stato il suo passato recente”.

L’autore Luigi Giuliani sceglie una frase della scrittrice Margaret Fairless Barber: “Guardare indietro è un po’ come rinnovare i propri occhi, risanarli. Renderli più adeguati alla loro funzione primaria, guardare avanti”, “perché – spiega racchiude il lavoro e le finalità portati avanti in questi anni per scrivere le quattro edizioni di “Mi ritorna in mente”, il libro che l’Amministrazione Comunale di Fiorano dona ai cittadini in occasione delle festività del Natale e di Capodanno.

Luciano Callegari ricorda Natale Amici: “Anche se quest’anno non sono stati riportati direttamente racconti di Natale Amici, volendo concludere l’indagine a Nirano, Ubersetto, Cameazzo per abbracciare tutto il territorio comunale, egli è ugualmente presente fra noi e, come primo Fioranese che ha voluto mettere per iscritto la nostra cultura popolare, resta il nostro Maestro”.