Venerdì 15 dicembre alle ore 19,00 Caos allo Splash Museum di Sassuolo

E’ un caos in cui si affacciano spaventapasseri che non spaventano, ma che si lasciano spaventare, legni che diventano sculture, castelli  che nascono da  alberi.

L’artista Carlo Moretti , mantovano, sa fare magie e trasforma il legno facendolo diventare  poesia visiva. Lui si racconta come un poeta di HAIKU dove le parole prendono il posto delle immagini.  Usa una materia naturale e povera  alla quale dà forme speciali e  fantasiose.

Una libellula si affaccia da un pezzo di legno a mostrarci la sua leggerezza nel volo.

Carlo Moretti è anche l’autore di una delle porte dello Splash: Luzzara, e  di un incantevole Spaventapasseri, anzi uno “Splash Spaventapasseri” che si trova su una parete del Museo.

Saranno esposte tavole che raccontano la storia di uno Spaventapasseri che lungo il suo cammino incontra solo guai fino al suo approdo a Sassuolo alle porte della Scuola S.G.Bosco, sede dello Splash.

L’artista  ha al suo attivo numerosi premi e circa 280 mostre, è illustratore, scultore e pittore.

Un eclettico nella sua espressione, ma riconoscibile dai colori , dalle forme e dall’ironia che leggiamo nei suoi volti infantili.

In occasione della mostra genitori e nonni degli allievi della scuola hanno realizzato un gigantesco Spaventapasseri che si trova nell’atrio della scuola.

Un Museo attivo che coinvolge bambini, genitori e artisti,  un luogo dove l’arte è vissuta ogni giorno.

La mostra  curata di Tina de Falco e con il patrocino del Comune di Sassuolo , sarà visitabile tutti i lunedì dalle ore 16,30 alle ore 18,30 e resterà aperta fino al 31 gennaio 2018.

Nella serata di venerdì 15 la magia del racconto a cura di Annalisa Valli