Fa tappa anche a Vignola la “Blue Box” della Polizia di Stato

Ancora un altro incontro nell’ambito del Progetto “BLUE BOX”, la Campagna della Polizia di Stato contro il disagio giovanile. Questa volta è stato il turno dell’IIS Paradisi di Vignola.

L’équipe multidisciplinare della Polizia di Stato, composta da personale della Divisione Anticrimine e della Squadra Mobile, ha cercato di sensibilizzare gli studenti sul fenomeno, facendoli riflettere sulle varie situazioni di disagio che possono trascendere, anche in forma sommersa, in episodi di bullismo, cyberbullismo, stati di abbandono, tragici giochi di ruolo.

È stata posto l’attenzione sui fenomeni di autolesionismo causati da atti di bullismo e di cyberbullismo, illustrando la Legge n. 71 del 29 maggio 2017 concernente le “Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo”.

Si è parlato anche della c.d. “tutela delle vittime vulnerabili”, collegandosi alla campagna della Polizia di Stato “Questo non è amore” dedicata alla violenza di genere, mentre il dott. Massimo Neri, dell’Associazione Onlus “Psicologi per i Popoli dell’Emilia Romagna” ha approfondito gli aspetti psicologici riguardanti vittime e oppressori.

Presso l’istituto scolastico, a disposizione di studenti ed insegnanti è stata collocata la “Blue Box”, una cassetta di colore blu, che richiama il colore istituzionale della Polizia di Stato, per la raccolta di segnalazioni anche anonime su qualsiasi criticità legata alle questioni giovanili.