Trovata con cellulare rubato durante la messa: altra casalinga denunciata nel reggiano

Stava partecipando alla messa officiata presso la casa di riposo del comune di Luzzara, nella bassa reggiana, quando ignoti ladri le asportavano la borsa contenente effetti vari, documenti e il telefono cellulare. Per quel furto, subito da una suora nell’ottobre dell’anno scorso, una casalinga del paese è finita nei guai. I carabinieri della locale stazione infatti, a conclusione delle indagini, hanno denunciato alla Procura reggiana, con l’accusa di ricettazione, una casalinga 50enne abitante in paese, trovata in disponibilità dello smartphone rubato alla malcapitata suora a cui è stato restituito.

L’indagata dal canto suo non poteva certo immaginare che a distanza di oltre sei mesi i Carabinieri di Luzzara avessero bussato alla porta di casa per sequestrarle lo smartphone che lei ha dichiarato di aver trovato e che invece era stato rubato unitamente alla borsa che lo custodiva ad una suora durante la messa. Attraverso il tracciamento del codice IMEI, ovvero la carta d’identità dei cellulari, i carabinieri della locale stazione sono risaliti all’utilizzatrice, risultata essere una casalinga 50enne di Luzzara ora finita nei guai per ricettazione dello smartphone.