‘festivaLOVE 2018. Innamorati a Scandiano’ ha battuto tutti i record di presenze di pubblico

Si è conclusa ieri sera, domenica 27 maggio, con lo spettacolo di Angelo Duro la quarta edizione di festivaLOVE. Innamorati a Scandiano che quest’anno è stata davvero fortunata per svariate ragioni: tre interi giorni di tempo bellissimoe soleggiato, una partecipazione di pubblico oltre le aspettative che ha battutto tutti i record di presenze registrate in precedenza.

“Con questa quarta edizione” spiega il Sindaco di Scandiano Alessio Mammi “siamo cresciuti ancora di più sia dal punto di vista della qualità che della ricchezza delle proposte artistiche e culturali. Quest’anno abbiamo voluto allargare ulteriormente il ventaglio della programmazione includendo nel palinsesto anche appuntamenti rivolti ai più giovani, tra i quali il concerto dello Stato Sociale e l’incontro di domenica con la blogger Sofia Viscardi, entrambi molto apprezzati e seguiti.

Il pubblico ha risposto molto bene alle nostre proposte giungendo numeroso da tante città anche lontane, questo per noi è la conferma che stiamo lavorando nella giusta direzione.

Mi preme oggi ringraziare tutti quelli che hanno reso possibile questa bella programmazione che porta dietro di sé un gran lavoro e tantissimi sforzi da parte di tutti, l’Amministrazione comunale al suo completo, dagli uffici alla Giunta e ai Consiglieri, le forze dell’ordine locali e provinciali che ci hanno supportato e hanno collaborato con noi fianco a fianco, la protezione civile di Scandiano che è sempre stata presente con tanti uomini, le Associazioni culturali, ricreative, di volontariato del territorio, ognuna delle quali ha messo in campo la massima disponibilità possibile. Voglio inoltre ringraziare tutti gli sponsor della manifestazione che di anno in anno ci seguono e supportano credendo molto in questa collaborazione pubblico-privato che dà loro visibilità e a tutta Scandiano la possibilitò di godere di iniziative prestigiose e di alta qualità.”

“Siamo davvero molto soddisfatti” affermano insieme Alberto Pighini, Assessore ai Saperi e Matteo Nasciuti, vicesindaco “di questa edizione di festivaLOVE che crediamo abbia decisamente compiuto un salto di qualità confermando il festival come un contenitore in grado di proporre iniziative e appuntamenti graditi a tutti i pubblici, dai più piccoli agli adulti e ai giovani per i quali c’è sempre molta attenzione. Già dalla prima serata di venerdì 25 maggio abbiamo ricevuto apprezzamenti e complimenti sia per le proposte diversificate che per l’organizzazione di tutta la manifestazione che ha visto contemporaneamente in tutto il centro storico un susseguirsi di incontri, musica, spettacoli per bambini, iniziative sportive e spazi per l’enogastronomia. Il pubblico ha partecipato numeroso a tutti gli appuntamenti facendo registrare un altissimo picco nella serata e nottata di sabato che come sempre si conferma la giornata più partecipata e più viva. I numeri di quest’anno segnano un incremento almeno del 10% rispetto a quelli dell’anno scorso, le stime ci parlano di circa 17.000 pesone al venerdì sera, 30.000 al sabato e 11.000 la domenica. Anche gli appuntamenti di Aspettando festivaLOVE sono andati tutti bene e da sabato 19 a giovedì 24 maggio in totale hanno partecipato alle diverse iniziative più di 5.000 persone.

Questa edizione è sicuramente quella che ha registrato la maggior partecipazione mai avuta a Scandiano confermando che la scelta che abbiamo fatto fin dall’inizio di creare un palinsesto vario ed eterogeno è vincente e positiva. Quest’anno soprattutto abbiamo lavorato, insieme anche al direttore artsitico Dario Vergassola, per proporre autori ed artisti in grado di cogliere target diversi di pubblico, andando anche ad esplorare realtà di nicchia ma che hanno un pubblico fedelissimo e molto apppassionato, pensiamo ad esempio al Collettivo Spinoza, alla blogger Sofia Viscardi e ad altri appuntamenti ognuno dei quali ha fatto il sold out.

Ci uniamo molto volentieri ai ringraziamenti del Sindaco a tutti quelli che con il loro lavoro e la loro passione hanno contribuito a realizzare il festival. Tutti gli artisti che sono stati nostri ospiti hanno davvero apprezzato molto l’ospitalità e la bella atmosfera che si respirava a Scandiano in questi giorni, hanno apprezzato la Rocca dei Boairdo, le vie e le piazze così piene di persone, gli allestimenti artistici che hanno scenografato Scandiano da venerdì e ovviamente anche la buona cucina e il buon bere.”

La giornata di domenica ha visto già dal primissimo pomeriggio giovani adolescenti arrivare con largo anticipo nel cortile della Rocca dei Boairdo per prendere i posti migliori per l’incontro programmato alle ore 15 con la blogger e scrittirce Sofia Viscardi. Al suo arrivo le giovanissime, il pubblico era quasi esclusivamente femminile, si sono emozionate e a gran voce hanno chiamato il nome della loro eroina. La Viscardi ha chiaccherato piacevolmente con Vergassola raccontando la sua esperienza con la rete, l’uso dei social e i due libri che ha scritto in questi ultimi due anni “Succede” dal quale è stato tratto anche un film e “Abbastanza”. Vergassola è poi sceso tra il pubblico per lasciare spazio a domande e curiosità delle ragazze che erano molto felici di poter avere un contatto così vicino con uno dei loro miti. Sofia si è poi concessa molto generosamente alla firma dei libri ed è rimasta oltre due ore a disposizione delle giovanissime che, una ad una, facendo un’attesa anche di due ore, hanno atteso il loro turno per la fimra e il selfie a cui sono seguiti abbracci e baci. Molte di loro, a dedica avvenuta, si sono allontanate con le lacrime agli occhi e visibimente emozionate.

Amche l’incontro con Pupi Avati ha suscitato moltissime emozioni e gioia da parte del pubblico che ha riempito il cortile della Rocca registrando oltre 350 persone. Avati ha chiaccherato con Daniele Gualdi della sua vita e della sua meravigliosa epserienza, citando anedotti personali e grandi incontri. Sul palco il maestro si è trasfonato in un affabulatore e narratore dai toni a volti magici a volte ironici e moto divertenti. Dopo l’incontro, Avati si è prestato al confronto con il pubblico, fatto da veri e propri fan, alal firma dei libri e alle fotografie ricordo.

La serata è stata chiusa dalla comicità dissacrante di Angelo Duro che per oltre 80 minuti ha fatto ridere e divertire il pubblico presente. Nel raccontare le varie storie Duro ha tenuto un tono monocorde fatto di brevi pause studiate a cui ha sapientemnete abbinato una fisicità calibrata e uno sgaurdo che solo a volte si è rivolto direttamente al pubblico.

Le sue gag, una dopo l’altra, si sono susseguite a ritmo incalzante, non lasciando spazio per prendere fiato.

Anche lui, dopo lo spettacolo, si è lungamente concesso al pubblico per selfie e saluti.