Addestramento dei Tecnici e Sanitari del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, domenica a Pievepelago

Diciotto tecnici e due sanitari del Soccorso Alpino Emilia Romagna della stazione Monte Cimone, sono stati impegnati domenica 10 giugno in una delle esercitazioni che impegnano il personale del SAER durante tutto l’anno. Tecnici e sanitari hanno simulato le operazioni di ricerca e di recupero di un fungaiolo scivolato in una zona boschiva impervia, procuratosi una frattura a un arto inferiore. Un intervento di soccorso purtroppo molto frequente in montagna dalla primavera all’autunno.

Il simulato di ricerca si è svolto ieri in zona boschiva nel territorio del comune di Pievepelago. Per recuperare il ferito, il personale del SAER ha utilizzato una barella, calata con l’ausilio di corde e tecniche alpinistiche per circa 200 metri di dislivello, prevedendo diverse riprese di ancoraggio.

L’addestramento continuo e il lavoro in sinergia tra le figure tecniche e quelle sanitarie è uno dei cardini su cui si basa il percorso formativo delle donne e uomini del Soccorso Alpino, che attraverso esercitazioni continue, aggiornamenti teorici e una grande conoscenza del territorio, garantiscono un rapido intervento a tutti i frequentatori della montagna in tutto il territorio regionale.