Commercio, saldi a rilento. Ligabue (Licom): “Le abitudini dei consumatori stanno cambiando”

“Come vanno i saldi? A rilento…”. Cinzia Ligabue, presidente Licom (i commercianti aderenti a Lapam Confartigianato), commenta con una battuta l’andamento delle vendite promozionali estive. In particolare a soffrire di più è l’abbigliamento, che patisce un calo brusco, mentre reggono meglio calzature e accessori.

“Più in generale – riprende Ligabue – cambiano le abitudini dei consumatori. I saldi hanno meno rileanza anche perché, tra promozioni online e offline, c’è sempre la possibilità di acquistare a prezzo scontato. Ma c’è di più: i consumatori sono più attenti e informati e vengono in negozio per acquistare quello che desiderano, quello che serve, senza badare al saldo o allo sconto. In pratica non c’è più la corsa ai prodotti che costano meno, ma si compra solo quello che serve, a prescindere dal prezzo applicato. Naturalmente se posso approfittare di uno sconto tanto meglio, ma non si compra più qualcosa solo perché costa meno”.

Un cambio di tendenza abbastanza netto che deve far riflettere gli operatori: “Il negozio, diciamo così, classico deve evolvere e farlo seguendo i trend in atto. E’ sempre più necessario – conclude la presidente Licom – fornire una consulenza personalizzata e puntale, così come offrire servizi di assistenza al passo coi desideri dei cittadini. Solo in questo modo è possibile rimanere sul mercato”.