Macchioni invoca le dimissioni di sindaco e giunta

“Gli ultimi atti di violenza da parte di extracomunitari, sono stati denunciati sui social da due mamme sassolesi (LM e AP). Il primo, ai danni di un controllore di autobus della società Seta, colpito al viso da un pugno, sotto agli occhi del figlio e dei presenti, solamente per aver richiesto di esibire il biglietto all’uomo. Il secondo ai danni di un ragazzo di 26 anni, nei pressi del parco “le querce, anche lui figlio della signora che ne ha riportato il fatto, dove ben quattro immigrati lo hanno circondato e tentato di derubare.
Fatti gravissimi – dichiara Francesco Macchioni – a dimostrazione di come i maggiori controlli per la sicurezza ai cittadini, sbandierati a gran voce dal sindaco, si siano invece trasformati, nel mese di agosto, in semplici controlli ai mezzi pesanti sulle nostre strade.

Risorse di polizia municipale sprecate in contestazioni di illeciti a camionisti, che se pur legittime e giuste, ben poco hanno però a che fare con la vera problematica legata all’insediamento dilagante di immigrati clandestini e persone malavitose, che stanno facendo dei nostri parchi e spazi pubblici dei veri ghetti, e delle regole di vita e buon senso di un paese civile, carta straccia”.

“Sassuolo e la cittadinanza vogliono manifestare al Sindaco e alla sua giunta, che buona parte di loro non è più disposta a farsi ignorare e prendere in giro; non è più disposta a farsi amministrare da chi non ha più a cuore gli interessi primari dei suoi cittadini, a cominciare dalla sicurezza e benessere”, continua Macchioni.

““Un Sindaco deve saper ascoltare i cittadini”, saper attentamente valutare tutti gli aspetti dei problemi con piena cognizione, valutando al meglio i pro e i contro di ogni eventuale decisione che viene presa, facendosi pienamente carico di ogni tipo di responsabilità, prima tra tutte quella conseguente al giudizio dei suoi concittadini, e non seguire ciecamente le ideologie sbagliate di un partito, il PD, ormai morto e seppellito anche a livello nazionale.

“Il Sindaco di Sassuolo e la sua giunta” da ormai troppo tempo hanno tolto la serenità a gran parte della cittadinanza, la quale è seriamente preoccupata per il proprio futuro e quello dei loro figli, in un contesto di territorio ormai “casa”, in modo indiscriminato, di tutti i balordi.

Tuttavia anche gli ultimi eventi che si sono verificati in giunta, sono a giustificare la sfiducia verso il Sindaco.
Il primo consiste nel fatto che nel PD, pur essendosi tutti dichiarati favorevoli all’applicazione di un codice etico, ad oggi tale codice è stato affossato dalla ormai inarrestabile disgregazione di quelli che una volta erano gli uomini di maggioranza e di giunta.
Il secondo, è appunto l’incapacità di risolvere i problemi che attanagliano Sassuolo come sicurezza, viabilità e debito pubblico.

Creazione di una lista mista di consiglieri scappati da quella del PD, le ultime dichiarazioni del consigliere di maggioranza Zanoli, insieme a quelle rilasciate dal ex assessore Sonia Pistoni, hanno confermato come da tempo ormai questa amministrazione è un umiliazione e un danno per la città; una giunta rimasta esclusivamente di facciata in una città allo sbaraglio, ed aggiungo io, con il solo scopo di mantenere le poltrone fino alla fine del mandato”.

“I dieci mesi che rimangono alla scadenza di questa amministrazione, dal punto di vista politico sono un’inezia, ma se lo si osserva dal punto di vista del cittadino, a fronte di quanto sta accadendo su argomenti e scelte vitali per una città, “sono un’eternità”.
E’ a fronte di questo che io e la mia lista chiediamo ad alta voce – conclude Macchioni – “le dimissioni immediate del Sindaco Pistoni” e di quel poco che rimane della sua giunta, con l’intento, e nel minor tempo possibile, di dar spazio a nuove elezioni amministrative per risollevare una città ormai da troppo tempo in ginocchio”.