Nella sua cameretta nascondeva droga e bilancino: pusher in “erba” denunciato dai Carabinieri

Nonostante la giovane età ha evidenziato la scaltrezza e disinvoltura degna del più navigato pusher! Oltre ad occultare la droga e il materiale per il confezionamento e la pesatura di in vari punti (barattoli di miele e fagioli vuoti, scatola di scarpe e cassetto del comodino) alla vista dei carabinieri della stazione di Poviglio presentatisi presso la sua abitazione per dare corso ad una perquisizione domiciliare ha riferito di non avere alcunché di illecitamente detenuto convinto forse che i carabinieri non l’avrebbero trovata. L’esito dell’attività ispettiva ha però frantumato le certezze del giovane laddove i militari nel corso della perquisizione hanno rinvenuto circa mezzo etto di marjuana e un bilancino di precisione.

Con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti i carabinieri della stazione di Poviglio hanno denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Bologna uno studente 17enne reggiano. Da tempo i carabinieri di Poviglio avevano messo gli occhi sul ragazzino almeno da quando, nel corso dei servizi informativi, avevano appreso che il minore occultava stupefacente in casa. Per questo motivo l’altra mattina i carabinieri acquisiti tali elementi andavano a far visita al giovane studente dando corso ad una perquisizione domiciliare. Contrariamente a quanto riferito dal diretto interessato, che ai carabinieri riferiva di non detenere stupefacenti, i militari nel corso della perquisizione domiciliare trovavano circa mezzo etto di marjuana occultata rispettivamente: 20 grammi dentro un barattolo di fagioli vuoto, 26 grammi dentro un barattolo di miele entrambi nascosti in una scatola di scarpe dove è stato rinvenuto anche materiale per il confezionamento (cellophane) e un bilancino di precisione mentre 7 dosi già confezionate del peso di un grammo abbondante l’una venivano rinvenute nel cassetto del comodino. Il minore, a cui i carabinieri di Poviglio procedevano a sequestragli quanto illecitamente detenuto, veniva quindi a denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Bologna per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.