Scandiano, l’Amministrazione vuole potenziare il trasporto pubblico

 

L’amministrazione comunale di Scandiano – affermano il Sindaco Alessio Mammi e l’Assessore alla Mobilità Marco Ferri – in collaborazione con l’Agenzia della Mobilità, ha predisposto tre progetti di nuovi servizi di collegamento di trasporto pubblico su cui ha intenzione di confrontarsi con la cittadinanza per poi deciderne l’attuazione.

Il lavoro deriva dalla volontà dell’amministrazione di procedere al potenziamento del trasporto pubblico all’interno della città e dei collegamenti con la vicina Reggio, oltre che dalle sollecitazioni e suggerimenti che in questi ultimi anni sono venuti dagli scandianesi in occasione delle assemblee pubbliche itineranti.

Due progetti riguardano collegamenti intracomunali, che servono le frazioni al momento sprovviste di validi e periodici trasporti, con mezzi tipo “Minibus” che a cadenza costante toccano le frazioni, il capoluogo, con attenzione particolare ai punti di servizio e interesse pubblico (uffici comunali, ospedale, altri servizi); sono due ipotesi diverse (fatte con uno o due mezzi) che effettuano orari differenti. Queste soluzioni andrebbero a sostituire l’attuale servizio “chiamabus”, che al momento funziona solo a chiamata su prenotazione degli utenti.

L’altro progetto riguarda il collegamento Reggio-Scandiano che si raccorda con la linea 9 cittadina che già arriva a Fogliano, a pochi chilometri dalla frazione di Bosco, ipotesi su cui già da qualche anno si sta lavorando.

Tutti e tre i progetti sono stati studiati nel dettaglio, con tanto di orari, costi, ipotesi di ubicazione delle fermate.

Nei prossimi giorni verranno annunciate le date delle assemblee pubbliche in cui tali progetti verranno illustrati, per raccogliere i pareri e i suggerimenti della cittadinanza sui servizi che maggiormente risultano sentiti e necessari per gli scandianesi. Contestualmente sarà lanciata una campagna sul web (sito internet e social) per la presentazione dei progetti e una consultazione “on line”. Queste due forme di consultazione contribuiranno a scegliere la soluzione prioritaria e potenzialmente con maggiori fruitori.