Istituto Ortopedico Rizzoli verso lo sciopero generale

Oggi, alle ore 11, presso la Prefettura di Bologna – alla presenza del Viceprefetto Aggiunto – si sono incontrati i rappresentanti sindacali dei COBAS Pubblico Impiego e FIALS con una rappresentanza dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna, composta dal Direttore Amministrativo, del Servizio di Assistenza e dalla responsabile delle relazioni sindacali.

Le posizioni tra i sindacati e gli Amministratori IOR sono rimaste distanti e pertanto il tentativo di conciliazione tra le parti è fallito.

Gli argomenti dell’incontro erano i seguenti:

gestire con legittimità e trasparenza i progetti incentivanti e le risorse economiche destinate ai lavoratori;

adottare l’orario di lavoro settimanale e i turni di servizio giornalieri di tutti i lavoratori dell’Istituto Ortopedico Rizzoli secondo quanto previsto dalla Legge e dai CCNL;

affrontare la già segnalata disorganizzazione delle Sale Operatorie, che potrebbe comportare un rischio concreto sia per i pazienti sia per gli operatori sanitari;

rendere visibile e trasparente l’azione amministrativa e rispettare le agibilità sindacali;
revocare tutte le posizioni organizzative assegnate illegittimamente e senza alcuna selezione dal valore complessivo di centinaia di migliaia di euro, i coordinamenti assegnati al personale tecnico e amministrativo, illegittime e non previste dal CCNL.

Pertanto, le Organizzazioni Sindacali COBAS Pubblico Impiego e FIALS dichiareranno prossimamente lo sciopero generale di tutti i lavoratori dell’Istituto Ortopedico.