10 novembre, Festa della Casa della Salute San Donato-San Vitale

Dalle visite oculistiche per glaucoma e degenerazione maculare, al neurologo a disposizione dei cittadini, e ancora, visite per adulti e bambini su nei, cisti epiteliomi, neoformazioni, e prevenzione delle lesioni del cavo orale. Sono solo alcune delle oltre 40 attività di prevenzione, screening e intrattenimento, ad accesso libero, organizzate per festeggiare con la Comunità il decimo compleanno della Casa della Salute San Donato-San Vitale, in via Beroaldo 4/2 a Bologna, in programma sabato 10 novembre dalle 10 alle 17. Ampia anche la partecipazione delle associazioni del territorio.

Durante la Festa andrà in scena, inoltre, il primo Vaccination Day dell’Azienda Usl di Bologna, contro l’influenza stagionale. Invitati speciali medici, infermieri, operatori socio-sanitari e tutti coloro che hanno a che fare con pazienti. Tra i medici vaccinatori anche Chiara Gibertoni, Direttore Generale dell’Azienda Usl di Bologna.

La Festa sarà, inoltre, l’occasione per raccontare i primi 10 anni di un percorso condiviso fra sanità del territorio e comunità, attraverso i volti e le voci di chi quotidianamente accoglie i cittadini nella Casa della Salute. Professionisti sanitari come Arianna Abbarchi, infermiera referente dell’Ambulatorio per le cronicità e dell’Ambulatorio infermieristico, Grazia Lesi, ginecologa e referente del Centro per la Salute delle Donne Straniere e dei loro bambini, Maria Luisa Paganini, Medico di Medicina Generale, Stefano Poluzzi, infermiere coordinatore dell’assistenza domiciliare, Alessandro Viaggi Responsabile del Servizio Sociale Territoriale del Quartiere San donato San Vitale, Comune di Bologna.

Alla Festa interverranno Giuliano Barigazzi, Presidente Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria Metropolitana di Bologna, Annalisa Bettini, Presidente Comitato Consultivo Misto, Distretto di Bologna, Simone Borsari, Presidente Quartiere San Donato – San Vitale, Comune di Bologna, Chiara Gibertoni, Direttore Generale Azienda USL di Bologna, Fausto Trevisani, Direttore Distretto Città di Bologna, Azienda USL di Bologna.

Il programma completo della Festa, sul sito dell’Azienda Usl di Bologna, www.ausl.bologna.it.

La Casa della Salute San Donato San Vitale
10 anni fa, quando fu inaugurato il poliambulatorio di via Beroaldo, oggi il cuore della Casa della Salute, erano già presenti gli sportelli CUP, il Consultorio familiare, gli studi dei Medici di Medicina Generale, l’Associazione di volontariato Sokos, il Servizio di Continuità Assistenziale.

Oggi la Casa della Salute San Donato-San Vitale è un polo organizzativo di attività socio sanitarie rivolte principalmente a chi vive e lavora nel Quartiere, e garantisce assistenza a 60 mila persone. Ne fanno parte, oltre a tutta la rete dei Medici di Medicina Generale e dei Pediatri di Libera Scelta del territorio, altre strutture nel Quartiere, come il poliambulatorio di via Mengoli, polo prevalentemente specialistico, quello di via Zanolini, che ospita il Centro di Salute Mentale e  la Neuropsichiatria Infantile, il poliambulatorio Pilastro, presidio socio sanitario, e il polo di Piazza dei Colori.

Nella struttura di via Beroaldo, centro nevralgico della Casa della Salute, lavorano 118 operatori tra medici specialisti, infermieri, fisioterapisti, tecnici, assistenti sanitari, psicologi, Medici di Medicina Generale e Pediatri di Libera Scelta. Sono presenti il Consultorio Pediatrico, le specialistiche di Oculistica, Diabetologia, Neurologia, Cardiologia, Dietologia, Oncologia, Psicologia, Psichiatria, il servizio Farmaceutico, il Consultorio ginecologico, il Centro Donne Straniere, l’Ambulatorio Infermieristico, l’Assistenza Infermieristica Domiciliare, l’Unità Socio Sanitaria Integrata per i Disabili Adulti, il CUP e la Continuità Assistenziale.

Sono 16 le Case della Salute già attive nella provincia di Bologna. In ognuna di esse si incontra una comunità di cittadini e di operatori che si prende cura direttamente della propria salute. Ognuna di essa favorisce e realizza l’integrazione dei professionisti, all’interno e all’esterno della Casa, nel comune obiettivo della qualità delle cure e dell’assistenza, attraverso una presa in carico integrata, tempestiva, appropriata.