Lapam, una serata di approfondimento e informazione sul noleggio a lungo termine

Francesco Totti ha preso la nuova Lamborghini Urus con il noleggio a lungo termine. Una notizia apparentemente semplicemente curiosa, fa però capire come questa formula sia ormai sdoganata e non sia solo utilizzata per le grandi flotte aziendali, ma anche per piccole imprese o professionisti. Lapam Confartigianato, attraverso la categoria Usarci (quella degli agenti di commercio) ha proposto una serata di approfondimento sul tema con il responsabile fiscale dell’associazione, Enzo Fanì, e con Luca De Pace, amministratore delegato di Consecution Group.

Tra i numerosi presenti non solo agenti di commercio, ma anche autoriparatori e imprenditori di varie categorie, che hanno seguito le relazioni e hanno posto diverse domande per approfondire. Il noleggio a lungo termine, oggi nel nostro Paese conta circa 800mila veicoli sui 38 milioni immatricolati, lo spazio di crescita (che pure è importante, tra il 2016 e il 2017 +18%) è molto ampio.

Fanì ha messo in luce i principali aspetti legati alla deducibilità per le imprese, sia per gli agenti di commercio che per le altre tipologie, e ha comparato la formula del leasing e quella del noleggio a lungo termine: sotto il profilo fiscale le differenze sono comunque piuttosto limitate. La scelta, dunque, deve essere dettata da motivazioni che vanno al di là di quelle economiche. Lo ha sottolineato lo stesso De Pace, che ha spiegato nei dettagli il funzionamento del noleggio a lungo termine: in pratica il noleggiatore si fa carico di tutti i costi (bollo, assicurazione, manutenzione ordinaria e straordinaria, gomme, auto sostitutiva…) a fronte di un canone diviso tra il noleggio vero e proprio e i servizi (che sono deducibili in forma più ampia rispetto al noleggio). Le domande sono state molte e molto precise (dal chilometraggio, che non deve superare i 200mila km, alla durata che va da 12 a 60 mesi ai rimborsi per i chilometri non effettuati o alla penale per quelli in più e a cosa succede in caso di incidente, fino a chi può guidare l’auto presa con questa formula e a cosa è possibile fare per personalizzare il mezzo secondo le esigenze aziendali).

Lapam Confartigianato sta predisponendo un servizio, con la collaborazione di Consecution Group, al fine di fornire risposte alle imprese che intendono scegliere questa modalità.