Correggio: con un geniale escamotage “raddoppia” la truffa

Aveva pubblicato un annuncio dove riferiva di essere interessato all’acquisto di una Vespa, ignaro che sarebbe incappato in un truffatore. Il malcapitato, un 43enne correggese, è stato contattato da un venditore intenzionato a vendergli la propria Vespa a 500 euro. La vittima, ritenendo il prezzo congruo, ha provveduto, come da richiesta, a versare la caparra di 140 euro sulla carta prepagata indicatagli.

Dopo alcuni giorni, il venditore ha contattato il 43enne chiedendogli di versare altri 90 euro per le spese di spedizione, considerato che, come convenuto, dovevano essere a carico dell’acquirente. Quando però il venditore si è rifatto vivo chiedendo ulteriori soldi per il passaggio di proprietà, il malcapitato reggiano si è insospettito, chiedendo la restituzione dei soldi. Il risultato? Il truffatore è sparito nel nulla senza dare più notizie.

Il 43enne correggese, materializzato di essere stato raggirato, si è presentato ai carabinieri trovando le certezze ai suoi sospetti. I militari infatti, dopo una serie di riscontri, hanno identificato un 42enne milanese, accertando che la vendita della Vespa a favore del reggiano era la punta di un iceberg di una vera e propria condotta truffaldina che l’hanno visto raggirare, con le stesse modalità, altre persone. L’uomo è stato quindi denunciato dai carabinieri di Correggio per truffa.