Farmacie comunali Modena e Sassuolo: arriva una multinazionale. Lavoratori/lavoratrici chiedono garanzie

“I lavoratori e le lavoratrici delle Farmacie Comunali di Modena Spa-FCM e delle Farmacie di Sassuolo Spa sono a conoscenza che Coop Alleanza 3.0 abbia ormai trovato l’acquirente per la vendita delle proprie quote azionarie di gestione delle farmacie.

Se sarà confermato il nome della multinazionale subentrante – affermano Filcams/Cgil e Fisascat/Cisl – non poche sono le preoccupazioni che nascono tra i lavoratori e le lavoratrici, a cominciare dalle scarse relazioni sindacali dove questa multinazionale è presente, e dal mancato rispetto dei diritti contrattuali in più di un punto vendita, dalla scarsa attenzione alla formazione del personale e dai diversi casi di stress lavoro correlato fra il personale.

I lavoratori e le lavoratrici delle farmacie – 17 punti vendita (di cui 14 a Modena) e 78 dipendenti (di cui 70 a Modena) – restano fermamente convinti che chiunque sia l’acquirente i diritti dei lavoratori vadano preservati garantendo continuità di trattamento contrattuale e di rapporti sindacali. E chiedono sin d’ora garanzie sul mantenimento del contratto in essere delle farmacie speciali, ben diverso da  quello delle farmacie private applicato per le piccole realtà con pochi dipendenti. Invece questa multinazionale sembra propensa ad applicarlo anche a grandi strutture come quelle di Modena e Sassuolo”.

“I sindacati Filcams/Cgil e Fisascat/Cisl, insieme alle lavoratrici e ai lavoratori, fanno un appello diretto ai Comuni di Modena e Sassuolo, che rimangono co-proprietari delle farmacie (rispettivamente detentori del 33% e del 20% delle quote delle due Spa), affinché si facciano parte attiva nella richiesta, da avanzare unitariamente alla nuova proprietà, per garantire il mantenimento degli accordi in essere, dei trattamenti contrattuali e dei livelli occupazionali.
I sindaci di Modena e Sassuolo devono continuare a garantire la distintitività e la specificità delle farmacie comunali che hanno rappresentato in decine di anni un presidio sanitario fondamentale per le comunità modenese e sassolese, garantendo, grazie alle competenze e professionalità dei dipendenti, sia un aumento costante degli utili ai propri soci, che un servizio pubblico di alta qualità”.

“I lavoratori e le lavoratrici delle farmacie comunali di Modena e Sassuolo – concludono Filcams/Cgil e Fisascat/Cisl Modena – sono pronti a qualunque azione da mettere in campo se non ci saranno garanzie in merito da parte dell’acquirente e dei Comuni interessati, chiedendo fin d’ora a questi ultimi di non accarezzare l’idea di dismissioni delle quote pubbliche”.